AZ Gun
 
ATTENZIONE !
AirGun Zeta World
su Facebook
E' UNA TRUFFA!!!
Airgun Zeta World non ha pagine Facebook. Airgun Zeta World, il sito originale www.airgunz.it non ha alcun legame con l'omonima "Airgun Zeta World" pagina Facebook di una improbabile "agenzia viaggi", che si spaccia per noi, utilizzando senza permesso il nome, il logo, le fotografie e i testi, del nostro sito. Non sappiano chi sono e soprattutto non sappiamo cosa fanno. Fate attenzione alle eventuali truffe. Grazie
ATTENZIONE !
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
SCHEDE
 
 
 

STI INTERNATIONAL SPARTAN

ESSENZIALE, PRECISA E AFFIDABILE
Una tra le più economiche System Colt 1911. Fabbricata nelle Filippine, su specifiche STI, la Spartan in calibro .45 ACP, è una 1911 costruita con tolleranze "strette", molto precisa ed oltremodo affidabile. Si distingue dalle altre per l'eccellente rapporto tra qualità e prezzo.
C’è sicuramente un motivo per il quale la pistola Colt 1911 ha resistito alla prova del tempo, e dopo oltre 100 anni dalla sua nascita continua a riscuotere un eccellente successo di vendite. Evidentemente la pistola risponde in maniera egregia alle esigenze di molti tiratori. Di pistole moderne, precise ed affidabili il mercato è pieno. Ma se si desidera un’arma che sia costruita tutta in acciaio, con una impugnatura che si adatti alla perfezione alla nostra mano, che sia intrinsecamente precisa, e perché no, anche bella da vedere, la scelta si riduce drasticamente. E in questo settore di mercato, i cloni 1911 rappresentano di sicuro la maggioranza. Essendo un fenomeno tipicamente americano, pare abbastanza ovvio che le pistole tipo 1911 siano prodotte essenzialmente negli States. Il che si traduce in uno standard qualitativo abbastanza elevato, ma anche in un prezzo finale di acquisto in linea con il costo della manodopera specializzata americana. Sebbene non manchino certo produttori di cloni 1911 al di fuori degli USA, l’appassionato di queste pistole ha sempre considerato il “made in USA” come un valore aggiunto.
STI International Spartan cal. .45 ACP
La STI Spartan è venduta all’interno di una valigetta in plastica nera marchiata STI. La dotazione di base comprende un unico caricatore, la chiave di smontaggio e l'immancabile libretto di istruzioni.

La STI International, azienda americana produttrice di pistole tipo 1911 di elevata qualità, qualche anno fa affidò alla “Armscor”, la principale azienda produttrice di armi filippina, la produzione di una pistola marchiata STI. Lo scopo di STI era quello di affacciarsi ad una fascia più bassa di mercato, proponendo una 1911 estremamente economica, modesta nell’aspetto, ma che mantenesse inalterate le caratteristiche di precisione e affidabilità comuni a tutta la sua produzione. Il risultato fu appunto la Spartan, che venne prodotta facendo ricorso ad una particolare strategia industriale, la quale prevedeva una sorta di “staffetta”, andata e ritorno, tra Stati Uniti e Filippine. Alla Armscor venne affidato il compito di produrre il carrello, la canna e il fusto, e di assemblare le pistole utilizzando le rimanenti parti che gli venivano inviate direttamente dalla casa madre. Quindi le armi finite venivano spedite negli U.S.A. per il controllo di qualità, e successivamente immesse sul mercato. Una pistola che conserva a tutti gli effetti il fascino del “made in USA”, venduta al prezzo di un’arma prodotta nelle Filippine. Facile prevedere che sarebbe diventata ben presto un Best Seller.

STI International Spartan cal. .45 ACP

Spartana, priva di fronzoli e costose ricercatezze, ma solida, affidabile e precisa. In poco tempo la STI Spartan iniziò ad essere considerata in America come la migliore pistola 1911 di fascia economica. Grazie a questa partnership, e al know-how acquisito, oggi la Armscor ha allargato la sua fetta di mercato internazionale, tramite il marchio “Rock Island Armory” che possiede dal 1985. Di recente la Spartan ha smesso di comparire all’interno dei cataloghi STI International, e pure su quelli dell’importatore italiano Bignami. Se si tratti di un addio definitivo, o solamente di una pausa di riflessione da parte dei due soggetti interessati all’accordo non mi è dato di sapere.

STI International Spartan cal. .45 ACP

Da amante delle 1911 e relativi cloni ho sempre trovato molto affascinante questa particolare pistola, soprattutto per via del suo aspetto pratico e austero, ma allo stesso tempo moderno e grintoso. Gli elogi della rete alla pistola, riguardo affidabilità e precisione, si sprecano, per cui ho sempre pensato che nel momento in cui avessi trovato l’occasione, ne avrei acquistata una usata. Il fatto che l’arma non sia più importata mi ha dato un incentivo in più alla ricerca e al successivo acquisto.

STI International Spartan cal. .45 ACP

LE VARIANTI

Inizialmente declinata in solo formato “Government” con canna da 5 pollici in calibro .45, in seguito fu proposta anche in differenti formati e calibri. Alle Spartan in versione Government con canna da 5 pollici, denominata “Spartan V” (per un po’ di tempo la versione in 9 mm riportata la scritta "Spartan 9", ma in seguito la scritta sul carrello diventò "Spartan V"), sono state affiancate le “Spartan IV” e “Spartan III” con canna rispettivamente da 4.26 e 3.24 pollici a profilo conico prive di bushing e tacca di mira fissa a profilo tattico. Tutte disponibili in calibro .45 ACP e calibro 9x19mm (9x21 in Italia).

STI International Spartan cal. .45 ACP

Probabilmente per una concausa dovuta alla fabbricazione affidata ad una azienda estera, ed alla particolare staffetta di pezzi spediti tra le due parti in causa, la produzione di questa pistola non è stata sempre omogenea nel tempo. Tutte le Spartan che ho potuto osservare differivano sempre per qualche minimo particolare. La finitura superficiale esterna è sempre stata ottenuta attraverso una spessa e resistente parcherizzazione di tipo militare. Finitura ruvida per definizione, ma il grado di scabrosità delle superfici è variato nel corso della produzione. In genere gli esemplari più vecchi presentano superfici più ruvide e grezze, mentre i nuovi sono più lisci e con spigoli vivi più netti. Tutte le pistole sono caratterizzate da una differente colorazione tra carrello e fusto, più o meno accentuata, con il primo sempre più scuro del secondo. Il fusto può avere indifferentemente tonalità che vanno da un grigio vagamente tendente al verde ad un verde oliva piuttosto marcato. La scritta sul lato sinistro del carrello è stata variata da “SPARTAN” a “SPARTAN V” in concomitanza della nascita degli altri modelli.

STI International Spartan cal. .45 ACP

Le guance in legno possono avere una verniciatura trasparente lucida, con legno tendente al rosso ricco di venature, oppure essere di legno chiaro, con finitura opaca grezza e poche venature. La zigrinatura dei pannelli può essere più o meno fine, e più o meno grippante, con o senza la scritta STI al centro. Il cane può essere indifferentemente ovale o quadrato. Il caricatore in dotazione all’arma può essere di due modelli differenti, così come la valigetta che può variare per forma e dimensioni. L’arma sembra essere costruita badando al sodo, con gli allestimenti di serie che variano a seconda della disponibilità di materiale del momento. In ogni caso tutte le STI Spartan che ho potuto vedere e toccare avevano accoppiamenti estremamente stretti, senza nessun tipo di gioco tra le parti.

STI International Spartan cal. .45 ACP
La pistola è costruita dalla filippina Armsor, come testimonia la scritta sul fusto.

LA PISTOLA

L’organizzazione meccanica della STI Spartan ricalca quasi pedissequamente la classica impostazione progettata da John Moses Browning. Dal punto di vista formale si differenzia dall’originale per la presenza di un’asta guidamolla a tutta lunghezza. Personalmente non apprezzo particolarmente l’adozione del guidamolla lungo, che ritengo essere più un impiccio in fase di smontaggio e rimontaggio dell’arma, piuttosto che un reale vantaggio. In questo caso però, la complicazione aggiuntiva è di poco conto; l’accoppiamento tra bushing e carrello è talmente stretto che l’utilizzo della chiave di smontaggio sarebbe comunque stato obbligatorio, anche in presenza del classico tubetto reggispinta chiuso. L’asta lunga è apprezzabile a livello prettamente estetico perché fa apparire l’arma più moderna e tattica.

STI International Spartan cal. .45 ACP
L’asta guidamolla è di tipo a tutta lunghezza.

Sempre rispetto al progetto originale, oltre all’asta guidamolla lunga, la Spartan adotta di serie tutte, o quasi, le moderne parti definite "Custom", che ne identificano a prima vista la destinazione sportiva. Sicura dorsale beavertail accoppiata con un cane alleggerito a cresta ovale, caricatore da 8 colpi con pad in plastica, doppi intagli di presa sul carrello, posteriori e anteriori, sicura manuale maggiorata e tacca di mira regolabile applicata mediante fresatura del carrello. Mancano solo, il comando della sicura manuale replicato sul lato sinistro, e il pulsante di sgancio del caricatore maggiorato, ma si tratta di particolari dei quali personalmente non sento la mancanza.

STI International Spartan cal. .45 ACP

La chiusura è ottenuta tramite i soliti tenoni semicircolari posizionati immediatamente davanti alla parte esposta della culatta, che si innestano all’interno delle relative fresature ricavate sul cielo del carrello subito davanti alla finestra di espulsione. Canna e carrello rimangono vincolati saldamente tra di loro per i primi 7-8 mm di corsa del rinculo, dopo di che avviene lo svincolo meccanico tra i due elementi. Lo svincolo è attuato dalla biella di collegamento fulcrata sotto la culatta, la quale costringe la canna a basculare verso il basso. Una volta che canna carrello sono stati svincolati, la prima si ferma contro il telaio, mentre il secondo continua la sua corsa a ritroso, al fine di completare il ciclo di sparo, che prevede l'espulsione del bossolo spento, e la successiva alimentazione del colpo carico, durante il ritorno in batteria.

STI International Spartan cal. .45 ACP

LA CANNA

A livello di funzionamento è da segnalare la presenza di una biella ben dimensionata, la quale fa lavorare correttamente la sagomatura dell'appendice inferiore della canna a contatto con il perno della leva dello slide-stop. Riguardo questo particolare si tratta di una caratteristica molto spesso trascurata dagli altri produttori di 1911 di "primo prezzo". In questo caso ho potuto notare alcuni segni di lavorazione manuale proprio nell'area dell’appendice inferiore della canna. Aver lasciato i segni di lavorazione non è certo sinonimo di alta qualità produttiva, ma in ogni caso dimostra che è stata dedicata almeno una minima dose di cura in questo delicatissimo settore della pistola, attraverso un adattamento manuale tra due parti.

STI International Spartan cal. .45 ACP
La rampa di alimentazione e l’invito sulla canna sono lucidati. Impeccabile l’alimentazione della cartuccia, ottenuta grazie alla messa a punto accurata delle parti interne.

Il compito della biella di collegamento è quello di abbassare la culatta durante il primo tratto di rinculo, in modo da svincolare la canna dal carrello. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare il suo compito non è anche quello di supportare il carico della canna quando è bloccata sul carrello in chiusura, e durante il suo movimento. Quel compito deve essere svolto della corretta sagomatura dell’appendice inferiore della canna. Se il carico della canna risultasse sopportato dalla sola biella, potrebbero nascere problemi di affidabilità durante la fase di alimentazione del colpo. Spesso i produttori di pistole tipo 1911 moderne tendono a montare una biella più alta come semplice espediente per ottenere un maggiore serraggio dei tenoni di chiusura quando l'arma è in batteria. Ma così facendo, gravano la biella e il perno della leva di blocco carrello di un carico che non sono progettati per sopportare. Con il passare del tempo potrebbe venire pregiudicata la tempistica e l’uniformità del movimento della canna durante la fase di alimentazione, con conseguenti problemi di mancate camerature, con il proiettile che resta incastrato sulla rampa e il carrello che non riesce a chiudere in batteria.

STI International Spartan cal. .45 ACP
Ben curato il dimensionamento di biella e appendice inferiore della canna.

Si provi, a titolo di esempio, a smontare la canna di una 1911, e ad inserire il perno della leva dello hold-open all'interno della biella di collegamento. Noterete come il perno, lungo tutto il movimento semicircolare che riproduce le fasi di svincolo della canna, esegua una traiettoria che replica in maniera più o meno fedele la forma dell'appendice inferiore della culatta. Nelle migliori pistole la forma dell’appendice è sagomata in modo da supportare perfettamente il movimento della biella. In effetti è proprio su questa appendice che dovrebbe gravare il carico, e non sulla biella. Non si pretende che la sagomatura dell’appendice della canna sia perfetta, almeno non su pistole di basso costo, ma che perlomeno ci sia un totale appoggio verticale in posizione di chiusura, quando il carico è maggiore. In alcune armi il perno dello slide-stop scorrerà più o meno a contatto con l'appendice inferiore della canna, in altre la differenza durante lo scorrimento sarà minima o perlomeno accettabile, mentre in altre ancora il perno rimarrà sempre a distanza dall'appendice in qualunque posizione. In quest'ultimo caso sarà comune trovare altri “segnali” che indicano la presenza di una biella dimensionata male, come il non corretto allineamento posteriore tra carrello e fusto con l'arma in chiusura, e segni di percussione irregolare e decentrata sui bossoli di risulta. Ora, se dovesse capitarvi tra le mani una pistola che ha continui problemi di alimentazione, smontatela e controllatela; è molto ma molto probabile che pistola si trovi nella condizione descritta sopra.

STI International Spartan cal. .45 ACP
La canna in acciaio al carbonio cromata, presenta qualche segno di lavorazione, ma tutto sommato è ben rifinita.

La canna è in acciaio al carbonio cromato. Il nitore esecutivo non è sempre perfetto, e si notano alcuni segni di utensile. L'invito dell'imbocco della camera di cartuccia è correttamente svasato e ampliato, come si conviene per qualunque 1911 moderna, ed è lucidato solo dove serve. Si tratta di una caratteristica comune a tutte le parti della pistola, ben rifinite dove serve e lasciate più grezze nei punti meno importanti. Ben dimensionata e montata “stretta” sul carrello è l'appendice posteriore della culatta esposta, il cosiddetto “barrel hood”. Si tratta di un altro particolare spesso poco considerato, ma che al contrario è molto importante per la precisione e l'affidabilità della pistola. Netta e definita la rigatura, di tipo tradizionale a sei principi destrorsi, così come il bordo della camera di cartuccia. Quest'ultima è piuttosto stretta, al pari di molte 1911 moderne, per cui, se non si è ricaricatori esperti ed attenti, potrebbe essere necessario fare ricorso al Factory Crimp della Lee per poter sparare le cartucce ricaricate.

STI International Spartan cal. .45 ACP

  Seguente

Non si tratta di un sito commerciale
di vendite on-line.

Nessuno degli oggetti descritti è messo
in vendita su questo sito.

Sito amatoriale a solo carattere
divulgativo e informativo.
Tutti i diritti dei marchi presenti
all'interno del sito appartengono
ai legittimi proprietari.
Non si intende infrangere
alcun diritto d'autore.
L'autore si impegna a rimuovere nel più breve tempo possibile, tutte le fotografie, disegni e grafici, che siano stati presi dalla rete, qualora i legittimi proprietari ne facciano esplicita richiesta.
 
Images Gallery
 
Argomenti di interesse
Glock 17 Gen 4
Crosman Benjamin Marauder
Impugnare la pistola
Umarex Walther CP 99
 
STI Spartan calibro .45 ACP
 
COMMENTI
Non si trattano argomenti riguardanti la caccia, neppure la caccia ai nocivi con armi ad aria compressa. Per questi argomenti esistono siti appositi, che li trattano in maniera seria e competente.
Non si trattano argmenti riguardo il potenziamento illegale di armi di libera vendita. Per cortesia non lasciate messaggi su questi argomenti o su altre pratiche illegali in Italia.
I messaggi riguardanti argomenti illegali o non graditi, verranno rimossi senza dare alcuna spiegazione.
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.

Commenti

Nessun commento finora
*Nome:
Email:
Notifica di nuovi commenti a questo articolo
Nascondi la mia email
*Commento:
 
 
Powered by Scriptsmill Comments Script
NON E' UN NEGOZIO!
NON INVIATE ORDINI.
 
 
 
 
 
 
 


 
 
Raccolta di
termini tecnici, definizioni e curiosità
del mondo delle armi
0...9 - A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
 
F
 
G
 
H
 
I
 
J - K - L
 
M
 
N - O
 
P - Q
 
R
 
S
 
T
 
U-V-W-X-Y-Z